Nuove letture; Recensione: “Nove Novembre”, Colleen Hoover

AEEB62C1-9349-434B-9A89-AB76D6FDE03E.JPG

Buon pomeriggio a tutti, miei cari lettori! Quest’oggi vi riporto la recensione di uno dei romanzi che mi ha radicalmente, totalmente ed incondizionatamente fatto a pezzettini il cuore. Ma direi che, forse, è il caso che mi spieghi meglio. È inutile negarlo, probabilmente sono di parte, perché Colleen Hoover è una delle mie scrittrici preferite, ma cercherò di essere neutrale, sebbene mi risulti sempre piuttosto difficile in casi come questo. Sì, perché, potete ben immaginare, non è per nulla facile distaccarsi dalle proprie emozioni, soprattutto quando si tratta di una lettura in cui psicologicamente ci si ritrova.

Fallon e Ben, sono due ragazzi che hanno dovuto affrontare diverse battaglie nella loro giovane vita. Battaglie che, seppur apparentemente diverse, risulteranno, soprattutto dopo il loro primo incontro, concatenate. Ognuno di noi nasconde delle cicatrici, segni del passato che a volte si vorrebbero solo dimenticare, o almeno, si cerca di mettere da parte. Il problema, però, è che il passato è un po’ come la verità: viene sempre a galla. Prima o poi.

È il Nove Novembre, quando gli occhi timidi di Fallon incontrano quelli di Ben e da quel giorno le cose cambiano. Sebbene Fallon sia preda di insicurezze ed inquietudini, Ben cercherà di spingerla a combattere ancora, affinché le cicatrici che le ricoprono il corpo, dovute ad un incidente avvenuto proprio il Nove Novembre di due anni prima, non le impediscano più di realizzare i propri sogni, ma soprattutto, di vivere. Insieme intraprendono un percorso che li avvicinerà sin da subito, ma si sa che la vita è una prova costante e, quando meno ce lo si aspetta, un ostacolo si pone davanti alla nostra strada. È quello che è successo anche a loro, perché Fallon sta per partire e sembra che per il loro amore appena sbocciato, non ci sia spazio. Allora Ben le promette che scriverà un libro sulla loro storia, a patto che, ogni nove Novembre, si rincontrino di nuovo, fino a quando non compiranno entrambi ventitré anni. Così, ogni anno di quel giorno, essi aggiungeranno nuovi capitoli del romanzo sulle loro vite, ma come ho detto prima, a volte succedono cose inaspettate, pronte a sconvolgere nuovamente l’equilibrio precario creatosi. A quel punto, i sentimenti che provano l’un l’altra, verranno messi in discussione e forse, non basteranno a mantenere salda la loro piccola favola. Tra verità non dette, frasi a metà, incertezze del destino, Fallon e Ben dovranno decidere se lasciarsi offuscare il cuore da ferite che sembrano non rimarginarsi mai oppure ammettere cicatrici che ci ricordano che a volte vale la pena rischiare.

Perché, “alcune volte la comodità diventa un appoggio che finisce per ostacolare la ricerca di noi stessi”.

La Hoover è riuscita a rendere il tutto come un mare di pagine intense, colme di amore, di stupore, ma anche di delusioni, difficoltà e amarezze. Un romanzo decisamente non scontato, soprattutto per i numerosi colpi di scena, che per me sono stati un vero pugno nello stomaco. Una lettura interessante, emozionante, commovente e che crea dipendenza (procuratevi delle belle luci da notte, perché questo libro vi terrà svegli, credetemi!). lasciatevi trasportare dalle parole e viaggiate con la mente, da un Nove Novembre all’altro.

Buona lettura a tutti,

Buone notti insonni,

Buon Nove Novembre.

Processed with VSCO with f2 preset

Rebecca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...